Dalla Regione In evidenza Notizie

Assemblea regionale Fidae – 12 Settembre 2019

FIDAE: incontro di inizio a.sc.

Libertà di scelta educativa e nuove tecnologie

La Fidae (Federazione Federazione Istituti di Attività Educative) Liguria ha tenuto il suo primo incontro di formazione per l’anno scolastico 2019/2020 giovedì 12 settembre nella propria sede: Ist. Immacolatine , Piazza Paolo da Novi – Genova, con il seguente programma

 “Il valore pedagogico del linguaggio digitale e dei social” a cura di: prof. Matteo Adamoli, docente di Digital Storytelling e pedagogia – IUSVE (Istituto Univ.Salesiano di Venezia)

Moltissimi i docenti che hanno partecipato alla prima giornata, che si è svolta nella sede dell’Istituto Immacolatine.

Ad introdurre i lavori Padre Andrea Melis, Presidente Regionale, che ha illustrato le finalità del programma di aggiornamento, e più in generale della Federazione.

“Le nostre scuole paritarie cattoliche portano avanti con responsabilità un chiaro e determinato sacrosanto impegno culturale e sociale per il riconoscimento della ‘Parità economica’ al pari di tutte le scuole statali.

Questo conferma che il diritto da “garantire” è quello alla libertà di scelta educativa dei genitori, in un pluralismo scolastico a costo zero per le famiglie e il diritto dello studente ad apprendere senza discriminazione economica, attraverso i costi standard di sostenibilità”, ha detto Padre Melis nel suo indirizzo di saluto.

Il primo incontro era dedicato a “Il valore pedagogico del linguaggio digitale e dei social”; relatore il Prof. Matteo Adamoli, Docente Universitario all’Istituto Universitario Salesiano di Venezia.

Il prof. Adamoli ha descritto nel suo intervento la diffusione capillare delle nuove tecnologie, in particolare fra i giovani, e ha aiutato i docenti a meglio comprendere come poter diventare giusto tramite fra gli alunni e il web. Secondo Adamoli, oggi si può parlare a buon diritto di “infosfera”, poiché le informazioni, soprattutto quelle digitali, ormai sono reperibili ovunque.

Il docente, fino a poco tempo fa, costituiva un intermediario verso la conoscenza. Oggi, invece, ciascuno incorpora in se stesso il funzionamento dei media, accedendo alle informazioni tramite i motori di ricerca, e spesso è a sua volta artefice di nuove informazioni prodotte attraverso il proprio dispositivo digitale.

Focalizzandosi in particolare sugli studenti e sui giovani, il prof. Adamoli ha sintetizzato l’utilizzo del web da parte loro. In particolare, i ragazzi usano i social network più famosi, come Facebook e Instagram, “chattano”, e vedono video musicali. Lo strumento maggiormente usato è lo smartphone. Un telefono cellulare riceve in media 1.000 notifiche al giorno: per questo è diventato uno strumento così potente, in grado di catturare l’attenzione non solo dei più giovani.

Ma va riconosciuto che il digitale, se fa rilevare tanti punti critici, può offrire anche tante opportunità.

Molti studi – ha piegato il prof. Adamoli – hanno messo in evidenza come l’uso delle nuove tecnologie induca per esempio isolamento, noia, disturbi del sonno, perdita di tempo. Ancora, la possibilità di accedere a tutto ciò che si desidera tramite un semplice click (per esempio gli acquisti online) fa spesso erroneamente ritenere che, come nel virtuale tutto è possibile, lo stesso può valere anche nel reale.

Punto forte della diffusione di internet è invece la grande circolazione del sapere: è qui dunque che può inserirsi il lavoro del docente, che può diventare strumento di orientamento nel riconoscere le vere fonti del sapere, e validare quanto ricercato e conosciuto sul web.

Tramite l’educazione ai media – ha concluso Adamoli – si ottiene la “media education”, cercando la radice del funzionamento del digitale e spiegandolo agli alunni.

Francesca Di Palma

Tavolo di lavoro condiviso con il dott.Luca Lenti dell’USR Liguria, sulle Nuove Modalità dell’inclusione scolastica (ex. L.104/92 , BES e DSA ) e relativa certificazione secondo il D.Lgs. 66/17. Saranno presenti : Mons. Nicolò Anselmi, Vescovo Ausiliar e Dott.sa Virginia Kaladich, Presidente Nazionale FIDAE.

La partecipazione è stata ottima e molto coinvolgente è stato per i partecipanti il problema del linguaggio digitale e dei social.

Si allega il programma dei prossimi incontri formativi:

– GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE (ORE 16.30-18.30): “ Obblighi, impegni e adempimenti specifici della Scuola Paritaria” a cura della Dott.sa Margherita Vannetti – Direzione Regionale USR-LIGURIA – Supporto ”amministrativo” alla Ricerca-Azione.

– DAL 4 AL 6 DICEMBRE, nell’ambito di Eventi.FIDAE.net, si terrà a Roma, presso l’ Auditorium Augustinianum, il Congresso nazionale sul tema “I Linguaggi delle nuove generazioni” con la partecipazione all’ udienza generale del Santo Padre. Un panorama sui modi d’essere dei giovani “digitali”: come stimolare il loro pensiero critico (critical thinking) con le arti creative, il dgitale e i social.

– GIOVEDÌ 12 DICEMBRE E GIOVEDÌ 30 GENNAIO (ORE 16.30-18.30): “Educare oggi, percorsi e strumenti nuovi (Mobile Learning) da esplorare in situazione/tecnologie e metodi di studio e apprendimento” a cura di: Prof. Jacopo Lorenzetti, Psicologo, Pedagogista e formatore del “Centro Leonardo”, Genova. Metodologie di lavoro a supporto e a rinforzo, in corso d’anno, della Ricerca – Azione come didattica operativa.

– GIOVEDÌ 12 MARZO (ORE 16.30 -18.30): “La didattica attiva e partecipativa (Team based learning ) e l’educazione tra pari” a cura di: Prof.ssa Daniela Siffredi –Disfor-UniGe. Altra metodologia di lavoro a supporto e sostegno, in corso d’anno, della Ricerca-azione di cui sopra.

– MERCOLEDÌ 13 MAGGIO (ORE 9-12): “La giornata della scuola. Nuova edizione”.

– GIOVEDÌ 4 GIUGNO (ORE 16.30-18.30): Report con testimonianze, Riassunti, Storytelling, Illustrazioni di Casi come sintesi finale dei lavori d’apprendimento effettuati mediante la Ricerca-Azione (A.R.) e Rilancio ( Re-Proposing ) delle situazioni didattiche” a cura di: Docenti, Educatori e Dirigenti delle Scuole Paritarie con la partecipazione degli esperti che, durante l’anno scolastico, hanno “avviato e monitorato” l’intera Esperienza Didattica. La partecipazione agli incontri sarà riconosciuta come “Crediti Formativi”.

Leave a Comment