Dalla Regione In evidenza Nazionale

6° Torneo Fidae

Sesta Coppa FIDAE

Grande festa di sport

7/8 maggio 2019

La manifestazione si è svolta presso l’Opera Don Bosco a Sampierdarena

Quarantacinque squadre iscritte, 79 incontri disputati, non solo di calcio ma anche di pallavolo, con il coinvolgimento di oltre 500 fra ragazze e ragazzi. Sono questi i grandi numeri della sesta edizione della Coppa FIDAE, una manifestazione sportiva rivolta agli studenti delle scuole cattoliche di Genova e provincia ma anche del basso Piemonte, che si è svolta presso l’Opera Don Bosco di Sampierdarena con il fondamentale contributo organizzativo del CSI.

Il calendario, fitto di impegni, ha concesso pochissime pause tra una partita e l’altra. La prima giornata, disputata con pioggia intensa e in condizioni meteo quasi autunnali, era dedicata solo al calcio e ai ragazzi delle scuole superiori: nella categoria “Biennio Maschile” ha vinto il Centro Professionale Salesiano di Quarto; nella categoria “Triennio Maschile” ha prevalso l’Istituto Gianelli di Chiavari.

Le ragazze dell’Istituto Santa Maria Ad Nives di Pegli si sono imposte invece nel torneo “Triennio Femminile”.

Più coinvolgente forse dal punto di vista delle emozioni e della simpatia la seconda giornata, “baciata dal sole” e interamente dedicata ai bambini delle scuole elementari e ai ragazzi delle scuole medie, durante la quale è emerso, in modo ancora più netto, il vero significato della manifestazione. “Il Torneo è nato nel 2014 con l’intento di aggregare gli studenti degli istituti cattolici- dice Padre Andrea Melis Presidente FIDAE Liguria-. L’obbiettivo è quello di mettere al centro la persona nel suo percorso formativo integrale, un percorso dove lo sport, il gioco, che significa competizione ma anche rispetto dell’altro, ha un’importanza fondamentale”. Il ritmo delle partite, nella seconda giornata, è stato quasi frenetico: decine di ragazzini impazienti di giocare facevano un sano tifo per i loro compagni, insieme ad educatori e genitori, o si “allenavano” buttando inavvertitamente spesso il pallone in campo. Ne scaturiva una confusione gioiosa e colorata, gestita con buon senso dagli infaticabili arbitri del CSI Lo sport, anche in questo ambito, ha però sempre una giusta e necessaria componente agonistica che “costringe” a stilare classifiche, anche se alla fine tutti sono stati premiati.

Otto i tornei disputati da 31 squadre che hanno giocato 50 partite in poco più di 3 ore: come accade ormai da alcune edizioni della Coppa FIDAE la “parte del leone” l’ha fatta l’Istituto Padre Assarotti che si è imposto nelle categorie “Quinta Elementare Maschile”, “Terza e Quarta Elementare Maschile”, “Quarta e Quinta Elementare Femminile”.

La manifestazione non è solo calcio: l’Istituto S. Caterina Madri Pie di Ovada (Al) ha vinto il torneo di pallavolo mista per ragazze e ragazzi delle scuole medie e si è imposto anche in quello del calcio maschile di terza media.

Nelle categorie calcio successi per l’Istituto Champagnat, in quella della seconda media maschile, e per l’Istituto Emiliani di Nervi che hanno vinto il torneo riservato ai ragazzi di prima media. “Gloria” anche per i padroni di casa dell’Istituto Don Bosco di Sampierdarena che hanno prevalso nella categoria “Media Femminile”.

Lo spirito del Torneo, educare e crescere per uno stile di vita autentico, si inserisce bene nel solco del progetto della FIDAE, fondata a Roma nel 1945 con la denominazione di Federazione Istituti Dipendenti da Autorità Ecclesiastiche modificata nel 1971 in quella di Federazione Istituti di Attività Educative.

Nell’ambito della Chiesa italiana è stata la prima associazione ad occuparsi in maniera sistematica ed organica della scuola cattolica. “Gli Istituti affiliati in Liguria – continua il Presidente Regionale Padre Andrea Melis- sono circa un centinaio compresi alcuni del Piemonte con quasi cinquemila ragazzi che frequentano scuola dell’infanzia, primaria, secondaria inferiore e secondaria superiore. Numeri che testimoniano in modo eloquente la qualità della proposta, ma che obbligano anche ad un grande impegno quotidiano insegnanti ed educatori”.

Francesco Piccone

Leave a Comment